Rinoplastica biotecnologica

dottor Pietro Gentile

Che cos’è la Rinoplastica Biotecnologica?

Un esempio di chirurgia plastica rigenerativa è l’utilizzo di biotecnologie nella rinoplastica, che costituiscono un valido e innovativo supporto alle tecniche tradizionalmente utilizzate per la chirurgia nasale.
A tale riguardo sono recentissime (novembre 2016) le due pubblicazioni scientifiche a firma del dott. Pietro Gentile, comparse sulle riviste internazionali Journal of Regenerative Medicine e Plastic and Recostructive Surgery Global Open, nelle quali vengono riportati i risultati preliminari clinico-strumentali e laboratoristici dell’impiego del Plasma Ricco di Piastrine (PRP) in combinazione con micro-innesti di condrociti ottenuti dal setto nasale dello stesso paziente nel trattamento di deficit della cartilagine alare nasale e nella pinch nose deformity (deformità a naso pinzato).

Di cosa si tratta in dettaglio?

Nel rispetto delle normative vigenti e del DM 2 novembre 2015, il paziente viene sottoposto ad un prelievo di sangue da un accesso venoso periferico, con autorizzazione del servizio trasfusionale, necessario per la preparazione del PRP. Tale prelievo potrà costituire un utile scaffold in forma di di membrana, da utilizzare in combinazione con micro-innesti di condrociti derivati dalla cartilagine del setto nasale, con procedura di centrifugazione meccanica, per correggere deficit cartilaginei e dei tessuti molli nelle varie aree nasali, che il più delle volte possono costituire una problematica di difficile risoluzione con le metodiche convenzionali a disposizione, specialmente su nasi pluri-operati in cui non è disponibile cartilagine sana per innesti tradizionali.

Quali possono essere gli obiettivi?

L’obiettivo dell’impiego di queste biotecnologie nell’ambito della Chirurgia Plastica Rigenerativa è quello di validare scientificamente nuove tecniche medico-chirurgiche che mirino a rigenerare e non più a sostituire tessuti danneggiati al fine di restituirne funzione e integrità. Tutto con relativa poca invasività di approccio, consentendo al paziente di avere un rapido decorso post-operatorio. Gli occhi del mondo scientifico guardano con interesse a queste soluzioni: una volta perfezionate, questa e altre tecniche, permetteranno di ovviare a grandi problemi non solo di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica ma anche di altre branche con la possibilità di riparare tessuti utilizzando le proprie cellule.

Il PRP per la rinoplastica

I recenti studi del dott. Pietro Gentile sull’applicazione della chirurgia rigenerativa nella rinoplastica

Come possono essere studiati i difetti delle cartilagini nasali e i relativi risultati dall’impiego delle biotecnologie?

I pazienti trattati sono stati sottoposti a controlli clinici e radiologici serrati, questi ultimi rappresentati da valutazioni condotte con TC 3D al fine di voler documentare scientificamente i risultati ottenuti.
Un’altra delle novità di questo studio è stata quella di documentare la presenza di condrociti in una sospensione ottenuta da una semplice centrifugazione meccanica, senza alcun tipo di digestione enzimatica, partendo un piccolo frammento di cartilagine prelevato dal setto nasale dello stesso paziente.

Per il corretto funzionamento, questo sito utilizza i cookies. Se accetti l'uso dei cookies, clicca su "Accetto", altrimenti puoi saperne di più cliccando su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi